Aggiornamenti di sistemi operativi.
Diversi Sistemi Operativi, specie Windows, effettuano aggiornamenti di sistema silenti, ovvero senza richiedere direttamente l’autorizzazione dell’utente, arrivando anche a saturare (consumare tutta) la banda a disposizione sino a quando non si è terminato di scaricare sul proprio dispositivo l’aggiornamento che, in fase successiva, viene richiesto di installare. Queste operazioni possono portare a ridurre notevolmente la banda effettiva a disposizione senza alcuna colpa dell’IPS (fornitore di internet) a cui ci si affida.

Test di banda dubbi.
Quando si effettuano i test di banda, alla luce di quanto sin qui detto, occorre riflettere a tutte le varie opzioni esposte, ma non basta! Se tutti i precedenti punti sono stati rispettati, è bene sapere che quando si effettuano i test di banda (meglio a filo con un solo dispositivo collegato al router e tutti gli altri dispositivi momentaneamente scollegati), ci si affida comunque alla rete e questo in base al server che si contatta per effettuare il test. Non tutti gli ISP forniscono un adeguato servizio di monitorizzazione della linea fornita. In caso manchi un servizio del genere, affidarsi a applicazioni e/o servizi esterni può fornire risultati che non sempre rispecchiano la realtà della situazione. Alla fine è sempre bene rivolgersi a chi il servizio lo fornisce per un puntuale controllo che a situazioni esterne di dubbia affidabilità. E’ quindi sempre meglio chiedere al proprio fornitore di poter effettuare un test congiunto, con un tecnico della compagnia, della velocità realmente fornita e di cui si usufruisce, senza cadere nella trappola dei dati forniti dalle varie applicazioni più o meno famose presenti nel web.