Perchè penare per avere una connessione quando ci si può connettere con il WiFi?

Il settore Wireless e’ di nuova concezione in Italia e soprattutto in Valle d’Aosta non vi e’ ancor oggi personale formato che possa essere assunto. L’unica forza lavoro preparata arriva dal settore Telefonia ed e’ prevalentemente personale vicino all’eta’ del pensionamento. La tecnologia utilizzata e’ pressoche’ quella inerente ai protocolli di rete applicata alla trasmissione dati in gamma 5 ghz.
Negli ultimi mesi la tecnologia Wireless ha avuto un incremento di richiesta e una maggior attenzione e accuratezza delle apparecchiature. Le normative vigenti in materia sono estremamente chiare, dando al settore una accuratezza nella procedura e permettono alla società Hi2 di gestire con serenità i rapporti con il Ministero delle Comunicazioni, gli enti Regionali (sportello unico degli enti Regionali VDA). Tutti gli impianti tecnologici sono censiti e autorizzati come disposto da legge pertanto protetti da eventuali intrusioni di male intenzionati.

Le opportunità di mercato di Hi2 sono innumerevoli a partire dalla moda che oggi vede i possessori di computer attivare presso le loro abitazioni o uffici apparati Wireless per la propria rete. E’ moda possedere il telefono Wifi per connettersi alle reti, sempre più persone necessitano di comunicare a costi contenuti. La connessione Wireless nei confronti di quella telefonica è nettamente meno costosa dando dei risultati più performante. Tutti elementi che, più o meno direttamente, influenzano il business di Hi2. Ebbene una corretta attenzione verso l’andamento di questi fattori porta Hi2 a programmare investimenti verso quei settori, che non sono settori fondamentali ma certamente importanti. Hi2 segue con attenzione il settore della sorveglianza, video sorveglianza, gestione pannelli di comunicazione, comunicazione e connessione fra sedi diverse, sorveglianza delle amministrazioni pubbliche, collegamenti temporanei di connessione, radio controlli. Sono tutte opportunità per la nostra azienda e certamente per almeno 20 anni il “gusto” della gente non cambierà.